Tenendo d’occhio i wallet con il maggior numero di Bitcoin, ovvero delle cosiddette “balene”, si può notare che c’è ci sono dei movimenti di grosse quantità di denaro ultimamente. Nonostante ciò il prezzo non sale e non si abbassa di molto, come mai?



Questa pratica è chiamata OTC trading, ovvero fare trading “Over the Counter” ovvero sotto il bancone. Questa metafora sta ad indicare il fatto che le balene non usano exchange per comprare e vendere grosse quantità, ma bensì preferiscono fare tutto “in privato”, per esempio rivolgendosi ad un broker, oppure fare compravendita tra due persone direttamente.

Che significano questi movimenti?

In teoria se tutto ciò fosse fatto su exchange pubblici il prezzo oscillerebbe notevolmente, ma quindi perché le “balene” non eseguono queste operazioni su exchange? Semplicemente perché hanno modo di accumulare bitcoin prima di operare effettivamente su exchange in modo da pompare o far precipitare il prezzo in base alle loro esigenze.

Occhio alle balene del mercato

Il mercato delle criptovalute è stato sempre caratterizzato dalla presenza delle cosiddette balene, possessori di grandi quantità di Bitcoin. Ogni volta in cui una di queste big whale si muove i prezzi oscillano in modo evidente.

Secondo gli esperti molte balene sono rimaste silenti nel corso degli ultimi anni, durante i quali il BTC è volato sui $20.000 e poi crollato poco sopra i $3.000, eppure oggi qualcosa sta cambiando.

Stiamo capendo che molti possessori di Bitcoin di lungo periodo stanno tornando ad essere attivi come prima.

Il risveglio dei grandi wallet potrebbe determinare nuove e potenti oscillazioni delle quotazioni. Secondo gli esperti, i prossimi mesi saranno ricchi di volatilità per il prezzo del Bitcoin e per il resto del comparto criptovalute.

Seguici su Telegram per rimanere sempre aggiornato.

CryptoCoin Italia non fornisce consigli finanziari, consulta i punti 12 alla pagina Politica Interna per maggiori dettagli.



Lascia un commento